piatti del piemonte

I 5 migliori piatti tipici del Piemonte

Dalla bagna cauda al vitello tonnato, della fonduta agli agnolotti: il Piemonte è una delle più ricche sotto l’aspetto enogastronomico, rispetto anche alle concorrenti di tutta Italia. Io spesso sono stato in giro per il Piemonte, proprio con lo scopo d’imparare a conoscere quali sono i dettami, le tradizioni e curiosità di questa cucina regionale. Ebbene, ci sono alcuni piatti che ho apprezzato più di altri, ma in generale, non si può negare la curiosa e genuina ricchezza della tradizione culinaria locale. Oggi quindi, vi spiegherò quali sono i piatti tipici che ho amato di più, come si contraddistinguono e soprattutto, le linee guida per imparare ad apprezzarli per la loro curiosa preparazione.

I piatti del Piemonte

1 – Bagna cauda

La bagna càuda è una salsa tradizionale piemontese che si serve intingendo verdure crude o lessate al suo interno. Di solito, si usano soprattutto, peperoni, ravanelli o verza. In questo tegame si mettono acciughe, aglio, olio e numerose varianti locali, a seconda del posto dove ci si reca. La cosa importante è che vi sia un’adeguata proporzione tra olio e burro. È davvero ottimale e vale la pena un assaggio!

2 – Bagnet

Il bagnet viene chiamato anche “bagnet vert” o “bagnet ross” è una salsa particolare che accompagna il bollito nella tradizione culinaria piemontese. Il bagnet vert è a base di prezzemolo, acciughe, aglio nonché mollica di pane, imbevuta nell’aceto di vino bianco e olio. Poi vi è anche la versione del bagnet ross dove ci sono aglio, peperoncino, carote, cipolle e preparato con pomodori da salsa maturi. Ideale per accompagnare, non solo il bollito, ma anche pietanze a base di pesce. Vi consiglio vivamente di assaggiarlo.

3 – Vitello tonnato

Un altro piatto apprezzato particolarmente nella cucina piemontese è il vitello tonnato. Nato probabilmente nell’area della provincia di Cuneo all’inizio del XVIII secolo, questo piatto si contraddistingue per il suo sapore. La carne viene infatti tagliata a fettine molto sottili, poi si ricopre con una salsa fatta di tonno, acciughe, tuorli sodi e capperi. Va servita ben fredda. È davvero molto particolare e vale la pena un assaggio. Esistono però delle varianti di questo particolare tipo di piatto che vi consiglio di provare. Si originano tutte da varie aree della provincia Cuneese, ma non solo!

4 – Fonduta

La fonduta, anche se molti ne discutono la paternità è molto diffusa nel territorio delle Province piemontesi. Ebbene si tratta di una vellutata a base di formaggio che si prepara in un’apposita pentola ed è davvero molto gustosa. Si può abbinare con le verdure o con dei tocchetti di pane, ma anche con carne o pesce.

5 – Agnolotti

Gli agnolotti vengono venduti molto spesso nel periodo di Natale. Si tratta di una specialità piemontese di pasta ripiena di carne miste. Si è diffusa soprattutto, nelle province di Asti, Alessandria e nella zona del Monferrato. Esiste in tante varianti per l’interno di carne. Caratteristici della zona delle Langhe, vi sono gli “agnolotti del plin”. Questi agnolotti sono ripieni di arrosto di vitello e maiale oppure sono fatti con spinaci e formaggio. Il loro nome significa “pizzicotto” e trae origine dal modo in cui viene chiuso, all’interno della sfoglia, l’intero ripieno.

 

Autore dell'articolo: Nicola D'Auria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.